Atex: Sicurezza, Salute e Responsabilità

La  direttiva 99/92/CE , come già anticipato in un nostro post, riguarda le prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di  atmosfere esplosive . In particolare, tale direttiva indica anche responsabilità del datore di lavoro.

A cosa non si applica (esclusioni)

Di seguito un breve elenco di quanto escluso dalla direttiva:

  • ambienti medici (relative aree di cura dei pazienti);
  • uso degli apparecchi a gas a norma della direttiva  90/396/CEE ;
  • produzione e gestione di esplosivi o sostanze instabili;
  • industrie estrattive;
  • impiego di mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale e aereo per i quali si applicano le pertinenti disposizioni come da accordi internazionali.

Le responsabilità del datore di lavoro

Il datore di lavoro ha degli obblighi al fine di prevenire e proteggere i lavoratori contro le
esplosioni:

  • prevenire la formazione di atmosfere esplosive, oppure, se la natura dell’attività non lo consente,
  • evitare l’ignizione di atmosfere esplosive, e
  • attenuare i danni di un’esplosione in modo da garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori.
In aggiunta, il datore di lavoro, nell’assolvere gli obblighi relativi alla prevenzione e protezione, deve valutare i rischi che derivano dalle atmosfere esplosive, tenendo quantomeno conto di:
  • probabilità di presenza, attivazione e efficacia di fonti di sorgenti d’innesco,
  • probabilità e durata della presenza di atmosfere esplosive, comprese le scariche elettrostatiche;
  • caratteristiche dell’impianto, le sostanze utilizzate, il processo e loro possibili interazioni;
  • entità degli effetti prevedibili.
Per quanto concerne le misure di carattere tecnico atte a prevenire le atmosfere esplosive deve:
  • sostituire, quando praticabile, le sostanze esplosive;
  • evitare o diminuire la concentrazione in aria di sostanze infiammabili (attraverso la ventilazione, ls manutenzione, la pulizia, l’utilizzo di componenti a tenuta e una progettazione specifica);
  • adottare tecniche di inertizzazione;
  • evitare le sorgenti di accensione efficaci;
  • controllare l’atmosfera, la temperatura, il processo e i suoi parametri.
Le misure di carattere organizzativo comprendono invece la qualificazione e formazione dei lavoratori, la manutenzione, la continua sorveglianza, la verifica e le autorizzazioni allo svolgimento di uno specifico lavoro. In aggiunta, qualora fosse necessario necessario, le aree in cui si possono formare atmosfere esplosive in quantità tali per cui sia messa in pericolo la sicurezza e la salute dei lavoratori devono essere segnalate nei punti di accesso con il segnale sotto riportato:
triangolo giallo con scritta EX
Esempio di segnale di pericolo: formazione atmosfera esplosiva.
Le sorgenti di accensione efficaci possono venire evitate impedendo la loro presenza in aree pericolose oppure riducendo l’efficacia (qualora possibile) utilizzando prodotti o materiali idonei.

Quando non si può evitare l’esplosione, si devono attenuare gli effetti della stessa usando particolari
sistemi di protezione.
Il datore di lavoro ha inoltre altri obblighi particolari quali:
Articolo precedente
Atex: Gruppi e Categorie
Articolo successivo
Logistica e magazzinaggio: novità e sorprese a LogiMAT 2019
Menu