fbpx
Carrello elevatore nello sbalzo posteriore: indicazioni di legge

Alloggiare il carrello elevatore nello sbalzo posteriore: cosa dice la legge

Si può trasportare su strada il carrello elevatore nello sbalzo posteriore di un veicolo, da utilizzare per carico/scarico merci? È una domanda frequente tra gli aspiranti carrellisti che seguono il nostro corso di formazione presso la sede di CO-CAR, a Missaglia. La risposta è sì, con i dovuti accorgimenti e rispettando la normativa in materia. In effetti, con la circolare n. 32436 del 14 dicembre 2018, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dà parere positivo e fissa le condizioni. Il Mit risponde così alle sollecitazioni delle aziende che si trovano a dover gestire l’intera logistica, dal trasporto al carico e scarico della merce.

Veicoli con carrello elevatore nello sbalzo posteriore per carico e scarico merci

Le formalità per l’idoneità del camion alla circolazione con carrello elevatore nello sbalzo posteriore e del rimorchio interessano costruttori e allestitori. I quali devono fornire disegni e una relazione tecnica su fissaggi e ancoraggi. Ai Centri prove autoveicoli spetta il compito di effettuare le verifiche di competenza su:

  • Installazione RUPD
  • Masse e dimensioni del veicolo
  • Installazione dispositivi di illuminazione e targa posteriore

La circolare precisa che il documento di circolazione del veicolo idoneo ad alloggiare un carrello elevatore nello sbalzo posteriore deve contenere la dicitura “CIRC. DEL VEIC. CON/SENZA CARRELLO POST”. (asteriscata: *CARRELLOPOST).
Il Mit rettifica così le disposizioni precedenti in materia, in particolare la circolare del 2008.

Trasporto di macchine e carrelli elevatori nello sbalzo: le linee guida europee

La circolare 14 dicembre 2018 del Mit in merito all’installazione del carrello elevatore nello sbalzo fa esplicito riferimento alle linee guida europee a riguardo. Pubblicate nel 2014, forniscono istruzioni e suggerimenti pratici per il fissaggio del carico per il trasporto su strada. A proposito del trasporto di macchine operatrici mobili, gli orientamenti del vademecum dell’Unione Europea si soffermano tra l’altro sulle attrezzature di fissaggio, ancoraggio e stivaggio. E richiamano l’importanza di attenersi alle indicazioni del costruttore del carrello, dal momento del posizionamento della macchina sul veicolo al vero e proprio trasporto su strada.

Articolo precedente
Ricambi per muletti e transpallet: chiedi a CO-CAR
Articolo successivo
Commissionatori (order pickers)
Menu